Amarsi Un Po Tab Bass, Cavalleria Leggera Romana, Kilimangiaro 2020 Quando Inizia, Cuccioli Meticci In Regalo Brescia E Provincia, Una Tachipirina Al Giorno Fa Male?, Cumulo Giuridico Ravvedimento Operoso Lipe, Calendario Campionato Svizzero, Pani Figlio Di Mina, Nuova Voce Femminile Orchestra Italiana Bagutti, Appartamenti New York Vendita, Campo Felice Hotel, " />

31 dicembre 2016 record

In ogni caso, sarà molto interessante verificare ciò che accadrà nel 2017. La Divisione Corporate e Investment Banking comprende:-    International Network & Global Industries, cui compete la relazione con gruppi industriali multinazionali che operano in otto settori chiave ad elevato potenziale di crescita (automotive & industrial; basic resources & diversified; consumer, retail & luxury; healthcare & chemicals; infrastructures & construction; oil & gas; power & utilities; telecom, media & technology), e cui è inoltre affidata la responsabilità delle filiali estere, degli uffici di rappresentanza e delle società estere corporate (Intesa Sanpaolo Bank Luxembourg, Intesa Sanpaolo Bank Ireland e Intesa Sanpaolo Brasil), nonché l’assistenza specialistica per il sostegno ai processi di internazionalizzazione delle aziende italiane e per il sostegno all’export;-    Corporate e Public Finance, cui compete la relazione con gruppi italiani di grandi e medie dimensioni e che opera altresì al servizio della clientela Stato, enti pubblici, enti locali, università, public utilities, general contractor e sanità pubblica e privata;-    Financial Institutions, cui compete la relazione con le istituzioni finanziarie;-    Global Transaction Banking, cui compete la gestione dei servizi transazionali;-    Banca IMI, deputata all’attività di investment banking (M&A e advisory), finanza strutturata, capital markets e primary market (equity e debt capital market).Nel perimetro della Divisione rientra inoltre l’attività di gestione del portafoglio proprietario del Gruppo.La Divisione Corporate e Investment Banking nel quarto trimestre 2016 registra:-    proventi operativi netti per 995 milioni, +39,8% rispetto a 712 milioni del terzo trimestre 2016;-     costi operativi per 274 milioni, +22,4% rispetto a 224 milioni del terzo trimestre 2016;-    un risultato della gestione operativa di 721 milioni, +47,7% rispetto a 488 milioni del terzo trimestre 2016;-    un cost/income ratio al 27,5% rispetto al 31,4% del terzo trimestre 2016;-    un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 146 milioni, rispetto a 72 milioni del terzo trimestre 2016;-    un risultato corrente lordo pari a 589 milioni, +40,8% rispetto a 418 milioni del terzo trimestre 2016;-    un risultato netto pari a 393 milioni, +32% rispetto a 298 milioni del terzo trimestre 2016. Ti potrebbe interessare. Nuovo record: ecco l’anello con 12.638 diamanti Una meraviglia entrata nel Guinness dei Primati per il maggior numero di pietre incastonate in un incredibile anello - di E.B. In dettaglio, si registra una diminuzione del 2% delle commissioni da attività bancaria commerciale e del 2,6% delle commissioni da attività di gestione, intermediazione e consulenza (risparmio gestito, prodotti assicurativi, collocamento titoli,...), nel cui ambito la componente relativa a intermediazione e collocamento di titoli scende del 20% e quella relativa al risparmio gestito del 7,4% (con commissioni di performance pari a 43 milioni nel 2016 e a 202 milioni nel 2015), mentre quella relativa ai prodotti assicurativi aumenta del 12,5%.Il risultato dell’attività assicurativa ammonta a 995 milioni di euro, rispetto ai 997 milioni del 2015.Il risultato dell’attività di negoziazione è pari a 1.190 milioni di euro (comprendenti 121 milioni di dividendi provenienti dalla quota detenuta in Banca d’Italia) rispetto a 1.034 milioni del 2015 (comprendenti 144 milioni di dividendi provenienti dalla quota detenuta in Banca d’Italia), con la componente relativa alla clientela che aumenta a 456 milioni da 321 milioni, quella di capital markets e attività finanziarie AFS che cresce a 214 milioni da 152 milioni, quella dell’attività di trading e tesoreria (comprendente i predetti dividendi) che diminuisce a 501 milioni da 561 milioni e quella dei prodotti strutturati di credito che registra un saldo positivo per 19 milioni rispetto a un saldo nullo. Tecnoandroid Awards 2020: i migliori prodotti/servizi tech del 2020. I risultati di conto economico del quarto trimestre 2016Il conto economico consolidato del quarto trimestre 2016(9) registra proventi operativi netti pari a 4.172 milioni di euro, in aumento dello 0,8% rispetto ai 4.139 milioni del terzo trimestre 2016 e del 4,5% rispetto ai 3.991 milioni del quarto trimestre 2015. ●    risultato corrente lordo a 1.556 milioni di euro nel quarto trimestre 2016, in confronto a 1.067 milioni del terzo trimestre 2016 e a 508 milioni del quarto trimestre 2015, che riflette da un lato la plusvalenza derivante dalla cessione di Setefi e Intesa Sanpaolo Card e dall’altro rettifiche su crediti in aumento, a 1.174 milioni nel quarto trimestre 2016 rispetto ai 917 milioni del terzo trimestre 2016 e ai 923 milioni del quarto trimestre 2015, pur in un contesto di miglioramento del trend del credito;●    miglioramento nel trend del credito, a seguito dell’efficacia della gestione proattiva del credito in un contesto economico in miglioramento:-    flusso di nuovi crediti deteriorati provenienti da crediti in bonis in forte riduzione nel 2016 e che registra il valore più basso dalla costituzione di Intesa Sanpaolo: flusso lordo a 5,8 miliardi di euro, in diminuzione del 34% rispetto agli 8,7 miliardi del 2015, e flusso netto a 3,1 miliardi, in contrazione del 46% rispetto ai 5,7 miliardi del 2015,-    scende lo stock di crediti deteriorati: del 4,1% rispetto a settembre 2016 e del 10% rispetto a dicembre 2015 al netto delle rettifiche di valore, del 2,6% rispetto a settembre 2016 e del 7,9% rispetto a dicembre 2015 al lordo delle rettifiche di valore,-    in particolare, riduzione dello stock di inadempienze probabili: del 6,8% rispetto a settembre 2016 e del 15,5% rispetto a dicembre 2015 al netto delle rettifiche di valore, rispettivamente del 5,9% e del 13,1% al lordo delle rettifiche di valore, -    riduzione dello stock di sofferenze: dello 0,8% rispetto a settembre 2016 e dello 0,5% rispetto a dicembre 2015 al netto delle rettifiche di valore, rispettivamente dello 0,5% e del 3,4% al lordo delle rettifiche di valore; ●    elevati livelli di copertura dei crediti deteriorati:-    livello di copertura specifica dei crediti deteriorati al 48,8% a fine dicembre 2016, rispetto al 47,6% di fine 2015 (media dei concorrenti italiani: 44% nel terzo trimestre 2016), con una copertura specifica della componente costituita dalle sofferenze al 60,6% a fine dicembre 2016 (61,8% a fine 2015),-    livello di copertura complessiva dei crediti deteriorati, considerando le garanzie reali, pari al 149% a fine dicembre 2016 (139% a fine 2015) e al 157% considerando anche le garanzie personali (146% a fine 2015), con una copertura complessiva della componente costituita dalle sofferenze pari al 153% (140% a fine 2015) e al 160% considerando anche le garanzie personali (147% a fine 2015),-    robusto buffer di riserva sui crediti in bonis, pari allo 0,5% a fine dicembre 2016 (0,7% a fine 2015);●    supporto all’economia reale: circa 56 miliardi di euro di nuovo credito a medio-lungo termine nel 2016, con circa 48 miliardi in Italia, in crescita del 16% rispetto al 2015, di cui circa 40 miliardi erogati a famiglie e piccole e medie imprese, in aumento del 19% rispetto al 2015; circa 24.000 aziende italiane riportate in bonis da posizioni di credito deteriorato nel 2016 e oltre 52.000 dal 2014; ●    patrimonializzazione molto solida, con coefficienti patrimoniali su livelli largamente superiori ai requisiti normativi, anche nello scenario avverso dello stress test. Più precisamente, la proposta prevede la distribuzione di 2.999.282.728,16 euro (8), risultante da un importo unitario di 17,8 centesimi di euro per ciascuna delle n. 15.859.786.585 azioni ordinarie e di 18,9 centesimi di euro per ciascuna delle n. 932.490.561 azioni di risparmio; non verrà peraltro effettuata alcuna distribuzione alle azioni proprie di cui la Banca si trovasse eventualmente in possesso alla record date. 4 anni fa | 1K visualizzazioni. tgla7d 31.12.2020. embed; Risoluzione desiderata: I principali ... 23.477 casi e 555 morti Vaccini. Come sappiamo infatti, Whatsapp ha anche introdotto le chiamate VOIP e le videochiamate, che piano piano si stanno diffondendo andando a rimpiazzare storici servizi come Skype e Face Time. 2016 VS 2° TRIM. La Divisione Banche Estere nel 2016 registra:-    proventi operativi netti per 2.002 milioni, -4% rispetto a 2.085 milioni del 2015, pari a circa il 12% dei proventi operativi netti consolidati del Gruppo (12% anche nel 2015);-    costi operativi per 962 milioni, -4,8%    rispetto a 1.011 milioni del 2015;-    un risultato della gestione operativa di 1.040    milioni, -3,2% rispetto a 1.074 milioni del 2015;-    un cost/income ratio al 48,1% rispetto al 48,5% del 2015;-    un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 229 milioni, rispetto a 501 milioni del 2015;-    un risultato corrente lordo pari a 913 milioni, +57,7% rispetto a 579 milioni del 2015;-    un risultato netto pari a 703 milioni, +63,1%    rispetto a 431    milioni del 2015.La Divisione Private Banking serve il segmento di clientela di fascia alta (Private e High Net Worth Individuals) tramite Fideuram e le sue controllate Fideuram Investimenti, Intesa Sanpaolo Private Banking, Sirefid, Fideuram Fiduciaria, Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) e Fideuram Asset Management Ireland.La Divisione Private Banking nel quarto trimestre 2016 registra:-    proventi operativi netti per 450    milioni, +6,7% rispetto a 421 milioni del terzo trimestre 2016;    -    costi operativi per 143 milioni, +6,5% rispetto a 134 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato della gestione operativa di 307 milioni, +6,8% rispetto a 288 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un cost/income ratio al 31,7% rispetto al 31,8% del terzo trimestre 2016;    -    un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 3 milioni, rispetto a 14 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato corrente lordo pari a 304 milioni, +11,1% rispetto a 274 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato netto pari a 181 milioni, +9,8% rispetto a 165 milioni del terzo trimestre 2016. La Divisione Insurance sviluppa l’offerta dei prodotti assicurativi rivolti alla clientela del Gruppo e include Intesa Sanpaolo Vita (che controlla anche Intesa Sanpaolo Assicura) e Fideuram Vita.La Divisione Insurance nel quarto trimestre 2016 registra:-    proventi operativi netti per 202 milioni, -31,8% rispetto a 297 milioni del terzo trimestre 2016;    -    costi operativi per 58 milioni, +48,4% rispetto a 39 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato della gestione operativa di 144 milioni, -44% rispetto a 257 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un cost/income ratio al 28,8% rispetto al 13,2% del terzo trimestre 2016;    -    un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 2 milioni, in linea con il terzo trimestre 2016;    -    un risultato corrente lordo pari a 164 milioni, -35,9% rispetto a 255 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato netto pari a 110 milioni, -34,6% rispetto a 168 milioni del terzo trimestre 2016. TecnoAndroid.it è gestito dalla Seven SRLS, Whatsapp da record: 63 miliardi di messaggi scambiati il 31 dicembre, Crypto e blockchain: le 10 storie più importanti del 2020, 2020 SO: quello che tutti credevano un asteroide in realtà è…. Da gennaio 2016 è direttrice artistica della Fondazione Arte Nova. E’ possibile consultare l’informativa estesa, negare il consenso ai cookie o personalizzarne la configurazione alla sezione dedicata (Privacy - Cookie policy). Il fatto che Whatsapp sia l’applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo, è cosa ormai nota da tempo. NOWCASTING SOLARE – 31 DICEMBRE 2020. 31 Dicembre 2016 Nessun commento Share: Nuove misure sulla salvaguardia della sicurezza e della qualità dell’edificato in Calabria dopo che la giunta regionale, nei giorni scorsi ha approvato una legge ad hoc che – tra le altre cose – proroga al 31 dicembre 2018 il cosidetto “Piano casa”. 1192. Il risultato dell’attività di negoziazione di 247 milioni del quarto trimestre 2016 si confronta con i 57 milioni del quarto trimestre 2015, trimestre in cui l’apporto della componente relativa alla clientela era stato di 44 milioni, quello della componente di capital markets e attività finanziarie AFS di 21 milioni, quello dell’attività di trading e tesoreria negativo per 10 milioni e quello dei prodotti strutturati di credito di 2 milioni. In quell’occasione infatti, Whatsapp ha raggiunto i 63 miliardi di messaggi scambiati in un unico giorno, un numero davvero incredibile soprattutto se consideriamo i 7.9 miliardi di immagini e i 2.4 miliardi di video. Torino, Milano, 3 febbraio 2017 –  Il Consiglio di Amministrazione di Intesa Sanpaolo, riunitosi in data odierna, ha approvato i risultati d’esercizio e consolidati al 31 dicembre 2016 (5). Nello scenario avverso dello stress test al 2018, il Common Equity ratio è risultato pari al 10,2%;●    elevata liquidità e forte capacità di funding: attività liquide per 150 miliardi di euro ed elevata liquidità prontamente disponibile per 96 miliardi, a fine dicembre 2016; rispettati già oggi i requisiti di liquidità Liquidity Coverage Ratio e Net Stable Funding Ratio di Basilea 3, in largo anticipo sulla data prevista per l’entrata in vigore a regime (2018); operazioni di finanziamento con BCE per ottimizzare il costo del funding e supportare gli investimenti delle aziende clienti pari mediamente nel quarto trimestre del 2016 a 41,5 miliardi di euro (27,6 miliardi mediamente nel primo trimestre 2016, 27,7 miliardi mediamente nel secondo trimestre 2016, 36,4 miliardi mediamente nel terzo trimestre 2016 e 23,2 miliardi mediamente nel 2015), costituite interamente dall’operazione TLTRO con scadenza quadriennale (a metà dicembre 2016 il Gruppo ha partecipato alla terza operazione TLTRO II per un ammontare pari a circa 3,5 miliardi di euro, dopo avere partecipato a fine giugno 2016 alla prima operazione TLTRO II per circa 36 miliardi, a fronte del rimborso integrale del finanziamento TLTRO I in essere per 27,6 miliardi di euro, e a fine settembre 2016 alla seconda operazione TLTRO II per circa 5 miliardi);●    dividendi cash per 3 miliardi di euro: il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi ha deliberato di proporre alla prossima Assemblea ordinaria la distribuzione di 17,8 centesimi di euro per azione ordinaria e 18,9 centesimi per azione di risparmio, al lordo delle ritenute di legge. 2016 VS 3° TRIM. I record ucraini del nuoto sono i tempi più veloci mai nuotati in una competizione, da un nuotatore rappresentante l'Ucraina. Tutte le previsioni e le stime successive, scritte ed orali, attribuibili a Intesa Sanpaolo o a persone che agiscono per conto della stessa sono espressamente qualificate, nella loro interezza, da queste dichiarazioni cautelative. Al 31 dicembre 2016, la struttura operativa del Gruppo Intesa Sanpaolo si articola in 5.163 sportelli bancari - di cui 3.978 in Italia e 1.185 all’estero - con 89.126 persone. 2016, A € 2.356 MLN DA € 2.117 MLN DEL 3° TRIM. 2016 IN CRESCITA VS 3° TRIM. 0. Whatsapp da record: 63 miliardi di messaggi scambiati il 31 dicembre. Ma il disastro di oggi è in gestazione da mesi. Immagine published on 30 dicembre 2020 | Leave a response . Il risultato corrente lordo è pari a 5.432 milioni di euro, rispetto ai 5.015 milioni del 2015. ●    molteplici iniziative del Piano di Impresa in corso, con un forte coinvolgimento delle persone:•    New Growth Bank:-    Banca 5®:▫    operativo il modello di business “specializzato” di Banca 5® in circa il 70% delle filiali, con 3.600 gestori dedicati e ricavi per cliente aumentati da 70 a 119 euro;▫    in corso di implementazione “Intesa Sanpaolo Casa”, dedicata alla mediazione e intermediazione immobiliare, con l’apertura di 32 agenzie immobiliari già effettuata nelle città più importanti;▫    acquisizione di Banca ITB, per creare la prima “banca di prossimità” in Italia, focalizzata sull’instant banking tramite una rete distributiva di circa 20.000 punti operativi leggeri, con un bacino potenziale di circa 25 milioni di clienti, di cui circa 12 milioni già clienti di Banca ITB; -    Banca multicanale:▫    nuovi processi multicanale lanciati con successo:-    clienti multicanale aumentati di circa 1,6 milioni da inizio 2014 a circa 6,4 milioni;-    4,1 milioni di App scaricate su dispositivi mobile;-    la prima banca multicanale in Italia, con circa l’ 80% dei prodotti disponibili tramite piattaforme multicanali;-    digitalizzazione attiva in tutte le filiali: dematerializzato circa il 100% delle operazioni riguardanti tutti i prodotti prioritari (completate circa 6,4 milioni di operazioni);-    “Filiale Online” pienamente operativa per il “Servizio Commerciale”, con circa 26.000 prodotti venduti nel 2016;-    nuove competenze di marketing digitale per cogliere pienamente le opportunità derivanti da motori di ricerca e presenza sui social media;-    lancio della nuova digital experience Intesa Sanpaolo, con nuovo internet banking, nuovo sito internet e nuove applicazioni; -    Private Banking:▫    dal 1° luglio 2015 pienamente operativa la nuova entità Fideuram - Intesa Sanpaolo Private Banking;▫    filiale di Private Banking a Londra pienamente operativa e rafforzamento di Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse);▫    primo lancio di nuovi prodotti disponibili per l’intera Divisione (Fideuram Private Mix);▫    modello di servizio mirato per la clientela High Net Worth Individuals:-    aperte 5 boutique dedicate alla clientela High Net Worth Individuals, -    lanciato un nuovo servizio di consulenza per i clienti con sofisticate esigenze finanziarie;▫    lanciato lo strumento di consulenza “View” nella rete di Intesa Sanpaolo Private Banking applicato a oltre 3 miliardi di euro di attività finanziarie;▫    in corso di implementazione il nuovo digital office per i private banker; -    Asset Management:▫    arricchimento della piattaforma digitale (ad esempio, “portafogli consigliati” e “analisi di scenario”);▫    nuova gamma di prodotti introdotti nell’offerta della Divisione Banca dei Territori (ad esempio, Eurizon Evolution Target), della Divisione Private Banking (ad esempio, Eurizon High Income) e della Divisione Insurance, e nuova offerta dedicata ai clienti internazionali (ad esempio, “Best expertise”) e alle imprese (ad esempio, GP Unica Imprese);▫    arricchimento della gamma di prodotti offrendo soluzioni con profilo di rischio moderato rispondenti all’attuale volatilità dei mercati (ad esempio, Epsilon Difesa Attiva);   ▫    lancio di prodotti che permettono agli investitori di supportare l’economia reale cogliendo l’evoluzione del mercato europeo del credito strutturato (Eurizon Easy Fund – Securitised Bond Fund);▫    sviluppo della Divisione Asset Management in Europa (ad esempio, partnership a Londra e nuova filiale a Parigi) e in Asia (ad esempio, costituzione di Yicai, società di Wealth Management, in Cina);▫    integrazione delle attività di Asset Management del Gruppo in Europa Orientale con Eurizon Capital;     -   Insurance:▫    portafoglio prodotti in via di ricomposizione a favore di prodotti efficienti in termini di assorbimento di capitale (ad esempio, i prodotti Unit Linked hanno raggiunto il 66% della nuova produzione rispetto al 56% del 2015);▫    lancio di un nuovo prodotto Unit Linked con capitale protetto (“Exclusive Insurance”);▫    sviluppo dei prodotti vita con il lancio di “Base Sicura Tutelati”, ideata per i minori e le persone con disabilità, e “Vicino a Te”, per i minori che hanno perso i genitori a causa del terremoto;▫    consolidamento dei prodotti per la Divisione Private Banking (Fideuram Private Mix e Synthesis) e lancio di un nuovo prodotto multiramo con capitale protetto;▫    aggiornamento del prodotto “Giusto Mix” con l’introduzione di un meccanismo di riduzione della volatilità;▫    continua diversificazione dell’offerta nel ramo protezione e tutela, con prodotti nel comparto salute (nuovo prodotto dedicato alla copertura di interventi chirurgici, prevenzione e malattie con “Dread Disease”) e imprese (nuovo prodotto dedicato all’agricoltura);▫    consolidamento delle attività per lo sviluppo di un’offerta di fondi pensione ad adesione collettiva;▫    piena integrazione del comparto dei fondi pensione;▫    continuazione dell’offerta nell’assicurazione auto con un sistema di raccolta dei numeri di targa per lo sviluppo di nuova clientela;-    Banca a 360° per le imprese:▫    costituita un’unità dedicata al Transaction Banking per il Gruppo e avviate nuove iniziative commerciali;▫    nuovo modello commerciale e nuova offerta di prodotti per le imprese;▫    pienamente operativo il Polo della Finanza di Impresa (nuovo Mediocredito Italiano);▫    rafforzamento della presenza internazionale della Divisione Corporate e Investment Banking (ad esempio, apertura dell’ufficio di Washington e rafforzamento di Intesa Sanpaolo Bank Luxembourg);•    Core Growth Bank:-    cattura del potenziale reddituale inespresso:▫    in corso di realizzazione il progetto “evoluzione del servizio di cassa”: già circa 2.000 filiali con il servizio di cassa che chiude alle ore 13 mantenendo l’orario esteso unicamente per i servizi di consulenza e circa 250 filiali dedicate esclusivamente alla consulenza;▫    nuovo portale di e-commerce per cogliere pienamente il potenziale di attività dopo EXPO 2015;▫    rafforzata l’offerta volta alla crescita del credito alle persone (ad esempio, il nuovo e innovativo “Mutuo Up”);  ▫    introdotto il nuovo modello di servizio nella Divisione Banca dei Territori, con la costituzione di tre catene del valore commerciali, la creazione di circa 1.200 nuovi ruoli manageriali e l’innovazione del modello di servizio per le imprese;▫    nuovi modelli di advanced analytics e machine learning per l'identificazione di clienti ad elevato potenziale;▫    lancio del “Programma Filiere” con importanti iniziative in settori economici di rilievo (Agricoltura);▫    integrazione del comparto del credito al consumo nelle filiali della Divisione Banca dei Territori;▫    pienamente operativo il modello Asset Light della Divisione Corporate e Investment Banking, con benefici in termini di cross selling; rafforzata l’attività distributiva;▫    in corso nella Divisione Corporate e Investment Banking il programma di eccellenza commerciale;▫    operativa la riorganizzazione della Divisione Corporate e Investment Banking, per rafforzare il modello organizzativo focalizzato sui settori e lo sviluppo internazionale, e in corso di implementazione la strategia internazionale di Banca IMI, focalizzata su prodotti-chiave selezionati;▫    avviati la nuova segmentazione e il nuovo modello di servizio per i clienti affluent della Divisione Banche Estere;▫    finalizzata la joint venture nel merchant banking con un investitore specializzato (Neuberger), con deconsolidamento delle attività;-    governo continuo dei costi:▫    semplificazione del presidio territoriale: 162 filiali chiuse nel 2016 e 727 dal 2014;▫    semplificazione delle entità giuridiche: già realizzate la riduzione - nell’attività di leasing, factoring, credito specialistico e consulenza -  da 7 fabbriche di prodotto a una sola (nuovo Mediocredito Italiano) e 9 fusioni di banche regionali nella Capogruppo;-    gestione dinamica del credito e dei rischi:▫    filiera dedicata alla gestione proattiva del credito pienamente operativa in tutte le Divisioni;▫    operativa la gestione integrata dei crediti incagliati;▫    riorganizzazione dell’Area di Governo Chief Lending Officer, strutturata per business units;▫    separazione tra Risk Management e Compliance, con due responsabili (Chief Risk Officer e Chief Compliance Officer) che riportano direttamente al CEO;•    Capital Light Bank:-    piena operatività, con circa 720 persone dedicate e circa 20 miliardi di euro di riduzione degli attivi non strategici già conseguiti;-    nuovo sistema di performance management pienamente operativo su ciascuna asset class;-    Re.O.Co. I record svedesi del nuoto sono i tempi più veloci mai nuotati in una competizione da un nuotatore rappresentante la Svezia. ... Record di iscritti per l’Atleticom We Run Rome, al via il 31 dicembre© ANSA. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE SUPERIORE AI REQUISITI NORMATIVI ANCHE NELLO SCENARIO AVVERSO DELLO STRESS TEST: COMMON EQUITY RATIO PRO-FORMA A REGIME AL 12,9% TENENDO CONTO DELLA PROPOSTA DI DIVIDENDI. _________(6)    Stimato applicando ai dati di bilancio del 31 dicembre 2016 i parametri indicati a regime, considerando l’assorbimento totale delle imposte differite attive (DTA) relative all’affrancamento del goodwill e alle rettifiche su crediti, l’atteso assorbimento delle DTA relative alle perdite pregresse e il Danish compromise (per cui gli investimenti assicurativi vengono trattati come attivi ponderati per il rischio anziché dedotti dal capitale, con un beneficio di 14 centesimi di punto). 2016 IN CRESCITA, CON RETTIFICHE SU CREDITI CONSERVATIVE PUR IN UN CONTESTO DI MIGLIORAMENTO DEL TREND DEL CREDITO:• RISULTATO CORRENTE LORDO A € 1.556 MLN NEL 4° TRIM 2016, VS € 1.067 MLN NEL 3° TRIM. La Divisione Banche Estere nel quarto trimestre 2016 registra:-    proventi operativi netti per 468 milioni, -11,3% rispetto a 527 milioni del terzo trimestre 2016;    -    costi operativi per 245 milioni, +2,1% rispetto a 240 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato della gestione operativa di 223 milioni,     -22,6% rispetto a 287 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un cost/income ratio al 52,4% rispetto al 45,5% del terzo trimestre 2016;    -    un ammontare complessivo di accantonamenti e rettifiche di valore nette pari a 97 milioni, rispetto a 44 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato corrente lordo pari a 159 milioni, -35% rispetto a 245 milioni del terzo trimestre 2016;    -    un risultato netto pari a 124 milioni, -34,6%    rispetto a 190     milioni del terzo trimestre 2016. La Società e i suoi rappresentanti declinano ogni responsabilità (sia per negligenza o altro), derivanti in qualsiasi modo da tali informazioni e/o per eventuali perdite derivanti dall’utilizzo o meno di questa comunicazione. UTILE NETTO DEL 2016 A € 3,1 MLD, A € 3,7 MLD SE SI ESCLUDONO I CONTRIBUTI E GLI ALTRI ONERI RIGUARDANTI IL SISTEMA BANCARIO.PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER € 3 MLD. All. Next. Le commissioni nette sono pari a 2.018 milioni di euro, in aumento del 15,6% rispetto ai 1.745 milioni del terzo trimestre 2016.

Amarsi Un Po Tab Bass, Cavalleria Leggera Romana, Kilimangiaro 2020 Quando Inizia, Cuccioli Meticci In Regalo Brescia E Provincia, Una Tachipirina Al Giorno Fa Male?, Cumulo Giuridico Ravvedimento Operoso Lipe, Calendario Campionato Svizzero, Pani Figlio Di Mina, Nuova Voce Femminile Orchestra Italiana Bagutti, Appartamenti New York Vendita, Campo Felice Hotel,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *